Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Cordua premiato a Roma

Di Redazione

Cordua premiato a Roma

Il tennistavolo è stato rappresentato a Believe to be Alive oltre che dal Presidente Franco Sciannimanico presidente del Comitato Organizzatore, dalla bella iniziativa del tavolo regalato a Papa Francesco e dalle numerose aree di gioco montate in Via della Conciliazionenella giornata finale, anche da uno dei premiati durante la cerimonia degli Awards paralimpici. Si tratta del giovane Lorenzo Cordua, protagonista messosi in luce ad un recente torneo internazionale in Inghilterra al quale il quotidiano LA STAMPA di Torino aveva dedicato il bell’articolo che vi proponiamo di seguito.

Estratto da pagina 51 di LA STAMPA di TORINO del 11-08-2014:

[ Ha soltanto quattordici anni ma è già campione del mondo nel tennistavolo paralimpico. Nella rassegna iridata giovanile di Stoke Mandeville, Lorenzo Cordua ha trionfato nella categoria Under 16, sbarazzandosi in finale del canadese Carón con un perentorio 3-0 (11-9, 12-10, 11-9). Un grande successo per il giovanissimo talento del Cus Torino, che nell'autunno del 2012 ha lasciato l'atletica per dedicarsi alla sua nuova passione, scoperta facendo qualche scambio con papà Antonio. Nel tennistavolo, Lorenzo ha subito dimostrato di aver doti fuori dal comune e ha bruciato le tappe, guadagnandosi la prima chiamata in Nazionale già nel febbraio 2013.Art06 IMG-20141010-WA0002

Non fosse bastato il successo individuale, a rendere ancora più speciale l'avventura in Inghilterra è arrivata la medaglia d'argento conquistata in compagnia del toscano Francesco Lorenzini nella prova a squadre Under 23. «Sono felicissimo perché non mi aspettavo di arrivare a questo livello in così poco tempo e di togliermi numerose soddisfazioni già quest'anno, per cui voglio ringraziare il commissario tecnico azzurro Alessandro Arcigli che mi ha dato fiducia sin da subito, il mio tecnico Vladimir Sych che mi ha fatto crescere molto e Patrizia Saccà che mi ha seguito agli inizi - spiega il pongista cussino, che prima dei Mondiali Junior ha trovato anche il tempo di dare gli esami di terza media -. È stato bello sentire il tifo dei miei genitori sugli spalti, mi hanno dato una spinta in più soprattutto nella finale perché tutti i tré set sono stati davvero tiratissimi». Ora un po' di meritate va canze in Puglia con la famiglia, poi si torna a lavorare per raggiungere nuovi traguardi: «Mi allenerò a fondo per fare bene ai Campionati Italiani Paralimpici, dove voglio vincere il titolo della classe 10 e poi spero di far bene anche ai Nazionali di 4a Categoria tra i normodotati». Già, perché nonostante la disabilità congenita, il piccolo, grande Lorenzo non teme nessuno quando impugna la sua racchetta. ]

Numeri precedenti 2018

copertina rivista febbraio 2018 copertina rivista marzo 2018 copertina rivista anno 14 numero 3 aprile 2018 copertina rivista giugno 2018 copertina rivista agosto 2018 copertina rivista settembre 2018 copertina rivista novembre 2018    

iSet Marketing 2c bottom superabile stag logo 02A   Logo Human Logo Oso Verticale