Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Paolo Puglisi: «Il clima di collaborazione è alla base dei nostri risultati»

Di ROBERTO LEVI

Puglisi con gli atleti della Asd Radiosa e Sport Club Etna
Puglisi con gli atleti della Asd Radiosa e Sport Club Etna

La Sicilia è una Regione di riferimento del panorama pongistico italiano. I suoi numeri parlano di 1.017 atleti complessivi, di cui 140 donne e 163 tesserati giovanili. I paralimpici sono 77. Le società affiliate sono 65, per un totale di 203 squadre, 28 delle quali partecipanti ai campionati nazionali e 175 a quelli regionali. Alla guida del Comitato è iniziato il secondo mandato di Paolo Puglisi, che è stato rieletto con un'unanimità di consensi.

Presidente, la Sicilia è veramente un'isola felice?

«Devo constatare, con mia grande soddisfazione, che stiamo lavorando in un clima di estrema concordia e quest'atmosfera certamente invidiabile è uno dei motivi alla base degli ottimi risultati che abbiamo ottenuto. Con tutti gli atleti, i tecnici e i dirigenti abbiamo fatto fronte comune, senza alcun tipo di contrapposizione. Al bene del tennistavolo siciliano hanno giovato anche gli ottimi rapporti che si sono instaurati con il presidente del Coni Regionale Sergio D'Antoni, un personaggio che ha dato finalmente una svolta allo sport dalle nostre parti, con il Comitato Italiano Paralimpico Regionale, presieduto da Aldo Radicello, con i vertici della FITeT nazionale e con tutti gli uffici federali».

Di quali risultati del quadriennio andate particolarmente fieri?Art8 PaoloPuglisi SergioDAntoniPaolo Puglisi e Sergio D'Antoni

«Nel 2015 siamo tornati a vincere la Coppa delle Regioni e non accadeva dal 2001. Quest'anno ci siamo aggiudicati il Ping Pong Kids. Sempre nel 2016 abbiamo dominato i Giochi delle Isole, la manifestazione multidisciplinare che raggruppa le isole del Mediterraneo e che si è svolta a fine maggio a Palma di Maiorca. Il nostro team, guidato dal tecnico Wang Hong Liang, ha ottenuto un bottino di quattro medaglie d'oro, due d'argento e una di bronzo. A livello assoluto nel 2012 abbiamo conquistato lo scudetto maschile con il Città di Siracusa e nel 2015 il Falcon Palermo ha disputato la finale playoff, cedendo di un soffio al Frandent Group Cus Torino. Ora in A1 abbiamo il Top Spin Messina e dunque sono parecchie le province in grado di esprimere valori d'eccellenza».

Vi fare rispettare anche sul fronte paralimpico, vero?

«Siamo una Regione guida, perché possiamo vantare l'Asd Radiosa di Palermo, che si è piazzata al primo posto nella classifica generale dei Campionati Italiani, e l'Asd Sport Club Etna di Riposto, che ha terminato in seconda posizione. C'è poi l'Albatros di Zafferana Etnea, che ha fra i suoi portacolori Raimondo Alecci, protagonista alle Paralimpiadi di Londra e di Rio, e si sta sviluppando molto in ambito paralimpico. Siamo orgogliosi di svolgere attività all'interno dell'Unità Spinale dell'Ospedale Cannizzaro di Catania e del Centro di Riabilitazione Villa delle Ginestre di Palermo, dove, in collaborazione con il CIP, abbiamo i nostri tecnici, che seguono l'orientamento dei pazienti ricoverati. Sono grato al direttore tecnico paralimpico Alessandro Arcigli, che periodicamente è sempre disponibile a visitare questi due centri su invito del Comitato».

Art8 Comitato Provinciale PalermoComitato Provinciale PalermoIl tennistavolo è strumento di recupero e anche d'integrazione.

«Lo crediamo fermamente e infatti quest'anno abbiamo organizzato, in collaborazione con il Coni, due corsi negli istituti penali minorili di Bicocca a Catania e di Caltanissetta».

Quali sono le priorità del secondo mandato?

«Vogliamo impegnarci per incrementare il movimento femminile e nell'ultimo Consiglio Regionale abbiamo emanato una normativa che prevede la partecipazione delle ragazze alle gare maschili. Continueremo naturalmente a dedicare risorse ed energie anche all'attività giovanile e al settore paralimpico, ai quali teniamo moltissimo».

In ambito organizzativo su quali manifestazioni avete intenzione di puntare?

«L'ultima grande scommessa è stata, proprio nelle scorse settimane, l'introduzione dei Campionati Provinciali di terza e quarta categoria, giovanili e paralimpici in contemporanea in tutte le nove province e abbiamo avuto un boom di oltre 600 iscritti. Vogliamo arrivare ad avere un movimento equamente distribuito sul territorio regionale. Siamo molto impegnati e a questo proposito voglio ringraziare, per la passione che profondono, i miei più stretti collaboratori: il segretario amministrativo sportivo Carlo Pandolfini, il direttore tecnico regionale Michele Giardina, il suo vice Wang Hong Liang, il FAR Salvatore Palermo, il segretario contabile Maurizio Musumeci, la referente del settore paralimpico Marzia Bucca, il responsabile comunicazione e propaganda Massimo Dipietro, il responsabile area agonistica Pierpaolo Liberto, il responsabile area tecnica Francesco Basile e il vicepresidente Salvatore Aliotta».

Presidente Puglisi, chiudiamo sul personale: come va la sua attività agonistica?

«Ho lasciato l'alto livello alle Paralimpiadi di Atene nel 2004, che sono state le seconde alle quali ho gareggiato dopo quelle di Sydney 2000. Ho fatto le terze a Pechino 2008 da dirigente. Ho vinto un gran numero di titoli italiani, l'ultimo a sorpresa nel 2015 a Torino, quando nel singolare di classe 10 ho battuto in finale Lorenzo Cordua. Ora gioco in C2 e partecipo alle competizioni paralimpiche nazionali per stare con gli amici».

Art8 Comitato Provinciale MessinaComitato Provinciale Messina        Art8 PaoloPuglisi Luca Pancalli AldoRadicelloPuglisi con Luca Pancalli e Aldo Radicello

Numeri precedenti

copertina rivista 2015 04 maggio copertina rivista 2015 04 maggio copertina rivista 2015 03 aprile copertina rivista 2015 02 feb mar copertina rivista 2015 01 2013-02 2013-03 2013-04 2013-05

pradis killerspin testata bottom superabile Logo Fondaz terzo pilastro web Logo butterfly testata rivista-hum